Estate 2017 in Toscana – parte I

Finalmente estate! Lo so, dopo i viaggi in Islanda e Siviglia della scorsa primavera, è vergognoso come inizio! Ma devo confessare che, come al solito, il lavoro aveva brasato ogni briciolo di pazienza residua quindi aspettavo questa vacanza come manna dal cielo.
Per il terzo anno consecutivo destinazione centro Italia; questa volta abbiamo tradito le Marche per la Toscana, lasciando invece immodificata l’Umbria.
Nonostante aver vissuto il terremoto dello scorso anno abbiamo scelto di tornare ancora in questa terra meravigliosa. Una terra che ha da offrire natura, cultura e cibo. Una terra che proprio in questi anni non si deve lasciare da sola.
Ma andiamo per ordine e torniamo all’inizio. Siamo partiti da Milano a pieno carico: io, il Maratoneta, la Peste e Yoda (il nostro 4 zampe 14enne). Visto che quest’anno il motto è stato “relax” all’ora di pranzo abbiamo abbandonato l’autostrada appena dopo Parma e ci siamo fermati all’agriturismo Monte Prinzera. Posto carino e cucina ottima, avendo menù fisso non ho chiesto opzioni vegan ma ho gustato piatti vegetariani: in primis un erbazzone da urlo come quello che faceva la mia nonna!
Ripartiti con mezzo chilo in più siamo arrivati nella nostra prima casa. Parlo di casa perché quasi tutta la vacanza l’abbiamo organizzata in varie tappe con appartamenti di Airbnb, vi saprò dare i resoconti alla fine 😉
Non appena disfatti i bagagli ci siamo diretti in piazza dei miracoli a Pisa, prima volta per la Peste e un ritorno dopo 30 anni per me! Ci siamo goduti una piazza inondata dalla luce del tramonto.
C’era un’atmosfera magica. Bambini che giocavano a bagnarsi correndo sotto l’irrigazione di un’erba verde smeraldo, un cielo senza nuvole , turisti intenti a godersi ogni passo e bolle di sapone da un artista di strada.
Il secondo giorno ci siamo diretti a Collodi per visitare il parco di pinocchio e il giardino Garzoni.
La Peste si è divertita tantissimo, il parco è ben tenuto e inoltre hanno aperto recentemente un piccolo percorso con corda al suo interno.
Nonostante sia un parco “datato” conserva la sua magia. E lo specifico perché purtroppo ho letto anche recensioni negative; chi si reca a Collodi non può certo pensare dì andare in un parco divertimenti moderno, è nei loro intenti mantenere anche un’aura retrò più vicina alla fiaba originale.
Dopo una sosta pranzo siamo arrivati con due minuti di cammino al giardino.
Abbiamo passeggiato tra i suoi viali e abbiamo ammirato gli esemplari dentro la casa delle farfalle.
  …e una volta rientrati in casa ci siamo goduti persino il palio di Siena. Per noi smuniti di tv un vero evento! 😉

Al terzo giorno ci siamo diretti all’oasi LIPU del Lago Massaciuccoli; crediateci o no l’avevo inserita nella lista dei posti da vedere dopo aver visto questa foto… Ebbene sì, io e il Maratoneta usiamo instagram anche così: come una bacheca di ispirazioni per i luoghi da visitare.

L’oasi è pacifica e ben tenuta. Il pontile è lungo un tragitto con diversi punti di osservazione. E’ completamente esposto al sole, consiglierei quindi di percorrerlo di prima mattina o al tramonto.

Oltre c’è anche un percorso attraverso un bosco umido (non sono io schizzinosa, si chiama proprio così 😀 ) di cui però noi abbiamo percorso solo un piccolo tratto.

A seguire siamo andati a Castiglione del Lago. Famoso per essere la residenza di Puccini. Ma devo dire che a noi ha lasciato indifferenti, quindi non mi sentirei davvero di consigliarlo. Non me ne vogliano gli amanti del luogo…

In serata ci siamo invece goduti Lucca alla luce del tramonto, partendo dalle mura per finire in centro. In una parola: bella.

Il giorno seguente abbiamo deciso di buttarci in Garfagnana, terra a noi totalmente sconosciuta. Meta prescelta: le grotte del vento. Belle, molto lontane dalla bellezza di quelle di Frasassi ma comunque meritevoli di un giro. Ci siamo soprattutto ripromessi di organizzare almeno un weekend lungo in questa terra verde e rigogliosa.

Per finire bene la giornata ci siamo regalati due ore al mare a Marina di Pisa. Devo confessare di essere rimasta piacevolmente sorpresa dalla spiaggia.

Una spiaggia così pulita non mi capitava da tempo. Non so voi ma negli ultimi due anni sono rimasta delusa (per la sporcizia tra la sabbia) sia dalla Liguria sia dall’amata Sardegna.

Il giorno successivo abbiamo lasciato la zona di Pisa in direzione Volterra. Ci siamo regalati una sosta in mattinata nella medievale San Miniato

e un pranzo con vista!

…alla prossima puntata!

Irene

Leave A Reply

Navigate