Siviglia mi amor – I parte

Era tempo che non mettevo il muso fuori dall’Italia, per un motivo o per l’altro abbiamo fatto, da quando c’è Leo, sempre vacanze in giro per il nostro meraviglioso paese.

Quest’anno però eravamo decisi a ritornare a viaggiare in un senso un pò più ampio e ha fatto da apripista proprio Siviglia.

Innanzitutto bellissima, pulita e curata. Un vero piacere addentrarsi nelle sue strade.

Siamo partiti zaini in spalla e con un biglietto Ryanair in due ore e mezza siamo atterrati in una fantastica giornata spagnola.

Una volta usciti dall’aeroporto ci siamo diretti in centro con il bus, che costa 8 euro a persona (bambini gratis) e qui il primo consiglio: se siete in tre o più è conveniente il taxi che ha come tariffa fissa i 25 euro 😉

Siamo scesi dal bus all’incrocio tra Avda. De Carlos V e Pza. Don Juan de Austria e ci siamo incamminati verso il nostro albergo tramite i giardini de Murillo e il quartiere di Santa Cruz.

i mitici azulejos sono in mostra in ogni particolare della città

Santa Cruz è il vecchio quartiere ebreo (chiamato anche Juderia) caratterizzato dalle sue vie strette, viene infatti anche chiamato labirinto, così costruito per riuscire a sfuggire al caldo torrido che avvolge la città nei mesi estivi.

Con una seria di ahhhh e ohhhh con occhi all’insù (e maniche corte vistala temperatura) siamo giunti sotto la Giralda, la torre campanaria della Cattedrale ed ex minareto dell’antica Moschea.

Vista la bellissima giornata abbiamo deciso di non entrare a visitare monumenti e musei ma di camminare e goderci il più possibile la temperatura mite.

Abbiamo camminato tra le vie del centro fino a spuntare alla Plaza de Toros de la Maestranza (visitata il giorno seguente)…

…siamo passati davanti alla Torre del Oro (ex torre militare oggi sede del museo navale della città), una torre a dodici lati che sorge sulle rive del fiume Guadalquivir che attraversa la città.

Infine attraversando i giardini Maria Luisa siamo giunti nella spettacolare Plaza de Espana, gioiello degli anni ’20. Un misto bellissimo di mattoni a vista e ceramica attraversati da un canale artificiale “navigabile” con piccole barche a remi.

piccola nota NERD: qui hanno girato alcune scene di Star Wars II –  l’attacco dei cloni 😉

La scenografia era talmente bella da far entrare anche nel piccolo di casa in modalità fotografo!

Una volta calato il sole ci siamo addentrati per le vie del centro in cerca di un ristorante e, udite udite, ci siamo seduti all’aperto godendoci un anticipo di primavera.

Circa 10 km

A presto con la seconda parte dedicata alla 48 ore a Siviglia!

Irene

Leave A Reply

Navigate